top of page

Partito il progetto Plant & Food Heritage Project

Aggiornamento: 5 set 2021


MONTI SICANI – 6 luglio 2021. E’ partito il progetto Plant & Food Heritage, nato nel 2019 grazie alla Convenzione di Ricerca tra la Società Bona Furtuna, l’Università degli Studi di Palermo e Slow Food Monti Sicani, siglata dai Botanici Giuseppe Bazan e Pasquale Marino e condivisa dall’Etnoantropologa Gabriella D’Agostino.

Si tratta di un progetto, finanziato dalla Società Bona Furtuna, che tramite l’Università di Palermo ha permesso l’erogazione di due borse di studio assegnate – tramite selezione pubblica – al Botanico Filippo Scafidi di Palermo ed all’Etnoantropologo Dario Nardini di Siena.


L’obiettivo principale del progetto è quello di delimitare e caratterizzare il Comprensorio Gastronomico dei Monti Sicani attraverso l’individuazione degli usi alimentari e gastronomici tradizionali delle piante. In particolare, è previsto il recupero e la valorizzazione del patrimonio alimentare attraverso lo studio dell’uso tradizionale delle piante nelle comunità rurali. La prospettiva di indagine intende approfondire le relazioni uomo-pianta ed il modo in cui le comunità locali interagiscono con la biodiversità del territorio traendo da essa risorse di vario tipo.


L’attività, che sarà eseguita dal Team di Ricerca di Botanica ed Etnoantropologia, coinvolgerà la popolazione attraverso la Rete Slow Food Monti Sicani. Il progetto prevede interviste, raccolte in campo, indagini etnografiche prestando particolare attenzione alla popolazione anziana, ai ristoratori, agli artigiani panificatori, ai cultori della materia e agli attori che operano nel settore agroalimentare.


Sarà valutato il potenziale gastronomico delle piante utilizzate nella cucina tradizionale con particolare riferimento a metodi e criteri di preparazione d’interesse storico.

Gli interessati possono partecipare al progetto contattando il Team di Ricerca al seguente indirizzo e-mail: info@plantfoodheritage.org e seguendo le attività su www.plantfoodheritage.org


Fonte: Pasquale Marino


18 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page